YouTrend

Dove andiamo a Capodanno? Breve guida per superare indenni il passaggio dal 2019 al 2019-bis

Dimmi chi voti e ti dirò cosa fare a Capodanno: la Guida Speciale YouTrend per il Capodanno 2020 (o 2019-bis, se preferite)™

Il primo grande scoglio delle festività di fine anno è ormai alle spalle: il Natale, con tutto il suo carico di rimpatriate, pranzi e cene in famiglia e la corsa frenetica a comprare e a scambiarsi regali, è ormai storia di ieri.

Se avete avuto la prontezza di recuperare la nostra guida su come sopravvivere alle discussioni natalizie in occasione dei cenoni con tutta la famiglia, ve la siete cavata probabilmente molto meglio della media. A distanza di un anno, è sorprendente notare come certe regole che avevamo enunciato siano effettivamente ancora valide (come i consigli strategici sul conoscere il proprio nemico o le raccomandazioni su cosa dire e cosa non dire…). Certo, l’aneddotica disponibile in quest’ultimo anno si è arricchita notevolmente, in particolare grazie agli sviluppi, meravigliosamente folli, che ci ha regalato la politica nazionale quest’estate (ma anche prima, a pensarci bene; e anche dopo, a pensarci ancor meglio).

Ora però all’orizzonte si profila un altro scoglio, e non di minor entità: il Capodanno.

Proprio lui, l’ultimo giorno dell’anno, da sempre occasione di ulteriori festeggiamenti, ritrovi e (ovviamente) grandi tavolate all’insegna del buon cibo e dell’altrettanto buon bere.

«E tu, che fai a Capodanno?»

Se non vi siete ancora sentiti rivolgere questa domanda, siete fortunati. Lo siete ancor di più se a questo interrogativo avete saputo replicare con una risposta pronta e – soprattutto – vera. Ma per chi non ce l’ha? Cosa fare per i tanti di voi (e di noi…) che ancora non hanno una risposta questa annosa (è davvero il caso di dirlo) domanda?

Niente paura: guidati come sempre dal nostro ineffabile spirito di servizio, e ancor più ispirati dalla nostra – assolutamente insana – passione per tutto ciò che profuma anche solo lontanamente di politica, abbiamo deciso di venirvi in soccorso.

Ecco a voi, quindi, la nostra Guida Speciale YouTrend per il Capodanno 2020 (o 2019-bis, se preferite)™ per capire cosa fare a Capodanno in base alla vostra appartenenza/affiliazione/vicinanza/simpatia politica. I profili di ciascun partito sono messi in ordine rigorosamente in base ai risultati della nostra ultima Supermedia del 2019.

(Disclaimer: l’autore e la redazione declinano fin da subito qualunque conseguenza spiacevole legata alla messa in atto dei consigli qui di seguito esposti, in base al sacrosanto principio della libertà di pensiero politico e a quello, altrettanto sacro, della responsabilità individuale)

Guida Speciale YouTrend per il Capodanno 2020 (o 2019-bis, se preferite)™

Lega: Organizzate un enorme cenone a casa vostra dove ogni invitato porta un piatto particolare, con obbligo di selfie sui social e di TikTok ogni volta che assaggiate un antipasto/fate un brindisi/mangiate un dolce/etc. Assicuratevi che tutti lo postino sui loro social e fate a gara a chi ottiene più mi piace, cuori, condivisioni e commenti. Se qualcuno oserà obiettare che tutto ciò possa essere eccessivo, ricordategli che voi siete padroni a casa vostra e che se qualcuno ha da ridire provasse lui (o lei) a organizzare un party così affollato, e vediamo quanta gente viene.

Partito Democratico: Il Capodanno è da sempre l’occasione ideale per riflettere sugli errori compiuti nell’anno appena trascorso e trarne importanti lezioni per quello nuovo. Sapete che anche quest’anno la vostra comunità si mobiliterà e organizzerà qualcosa di grande e importante, quindi non vi esponete troppo e non mettetevi in mostra, per evitare accuse di protagonismo cesaristico. Alla fine il 31 nessuno avrà organizzato nulla e scoprirete che molte persone con cui eravate sicuri che avreste passato il Capodanno saranno andate altrove, ma non importa. Sarete pochi, ma sarà comunque un’ottima occasione per confrontarsi in modo franco ma responsabile e senza strappi sugli errori del 2019 e su quanto sia necessaria una discontinuità per il 2020. Anche se, alla fin fine, potrebbe andar bene anche un 2019-bis.

Movimento 5 Stelle: Create un evento pubblico su Facebook (titolo: “Per Un Capodanno Onesto”) e aprite un sondaggio a risposta aperta in cui tutti gli invitati possono proporre cosa fare, dove andare, etc. La mattina del 31 dicembre, quando dovrete annunciare con dispiacere che purtroppo nessuna opzione ha raggiungo il 50% + 1 dei voti, assumetevi la responsabilità della decisione in virtù del vostro essere fondatori e garanti dell’evento, scegliendo tra le molte opzioni proposte quella che vi piace di più. Replicate a eventuali contestatori accusandoli di essere stati lì fin dall’inizio solo per creare zizzania, ed espelleteli dall’evento senza fargli sapere dove e come e quando ci si vedrà. Trascorrete la serata con brindisi a profusione alla democrazia diretta e al principio che un anno vale l’altro.

Fratelli d’Italia: Assicuratevi che tutto ciò che viene portato al cenone e alla festa sia al 100% italiano. Festeggiate con uno spettacolo con fuochi d’artificio rigorosamente di colore verde, bianco e rosso. Ogni volta che stappate uno spumante fingete di essere sul podio di una competizione sportiva e cantate l’inno nazionale a squarciagola. Bussate a tutti i citofoni del vostro condominio o di quelli dei vostri vicini per fare gli auguri di buon anno e ricordare a tutti che voi siete italiani e cristiani. Andate avanti così a oltranza. Quando arriveranno le forze dell’ordine a prendervi, ricordate loro che voi siete sempre stati dalla loro parte e quella dei festeggiamenti sopra le righe è una tradizione italiana e l’Europa delle banche non può toglierci anche quella.

Forza Italia: Possiamo anche sforzarci di trovare qualche consiglio brillante su cosa fare al cenone di Capodanno, ma tanto è inutile. Non ci verrebbe mai in mente nulla che sia davvero all’altezza.

Italia Viva: Tempestate amici e conoscenti di messaggi e telefonate per annunciare il grande Capodanno Della Svolta. Create un gruppo immenso di invitati. Proponete alcune alternative: si va tutti da quello che ha la casa grande oppure è meglio quella serata organizzata in quel locale giù in centro? Quale che sia la scelta della maggioranza, accettatela ma sottolineate che l’altra era migliore. Poi, all’ultimo momento, dichiarate di essere entusiasti della scelta fatta dagli altri, e che in fondo l’idea era vostra. Lasciate che gli altri si occupino di tutto nei minimi dettagli, senza mai mettere becco nell’organizzazione. Durante la nottata non perdete l’occasione per puntualizzare che è tutto sbagliato, e che voi l’avreste fatto meglio, ma che vi siete sacrificati per lo spirito di squadra. Alla fine della festa, annunciate che state già organizzando il Capodanno Della Svolta Vera e che nessuno prenda impegni per il 31 dicembre 2020.

Sinistra: Lanciate un appello chiamando a raccolta tutti i vostri amici compagni per organizzare un Capodanno finalmente, autenticamente solidale, progressista ed ecologista, senza la minima concessione al consumismo, ma comunque col sorriso. Spiegate bene che non sarà come gli anni scorsi, questa volta sarà diverso. Discutete democraticamente con tutti sul modo migliore di fare ciascuna cosa sin nel dettaglio, e tenete fieramente il punto senza compromessi. Alla fine non se ne farà niente e ognuno rimarrà a casa sua, ma comunque in modo autenticamente solidale, progressista ed ecologista, senza la minima concessione al consumismo, e comunque col sorriso.

Azione/Verdi/+Europa/Altri: Fate quello che volete. Ma, qualunque cosa facciate, brindate affinché il 2020 sia finalmente l’anno buono, in cui diventerà evidente a tutti che voi eravate dalla parte giusta e tutti gli altri (cioè più o meno il 98% degli italiani) era da quella sbagliata. Del resto quale occasione migliore del Capodanno per sperare nei miracoli?

Astenuti/indecisi/tanto-sono-tutti-uguali: Lasciate che decidano gli altri per voi, e poi lamentatevene fino al prossimo Capodanno. Poi ricominciate da capo.

 

 

 


(La realizzazione di questo articolo è stata pervicacemente istigata da Lorenzo Pregliasco, con la malvagia complicità più o meno di tutto il team Quorum/YouTrend e il contributo artistico fornito da uno sconsolato Andrea Viscardi, che ha realizzato l’immagine di copertina)

Salvatore Borghese

Laureato in Scienze di Governo e della comunicazione pubblica alla LUISS, diplomato alla London Summer School of Journalism e collaboratore di varie testate, tra cui «il Mattino» di Napoli e «il Fatto Quotidiano».
Cofondatore e caporedattore (fino al 2018) di YouTrend. È stato tra i soci fondatori della società di ricerca e consulenza Quorum e ha collaborato con il Centro Italiano di Studi Elettorali (CISE).
Nel tempo libero (quando ce l'ha) pratica arti marziali e corre sui go-kart. Un giorno imparerà anche a cucinare come si deve.

1 commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Tutto perfetto ed azzeccato.
    Manca solo una nota per Italia Viva a sottolineare il mai sopito rancore per il mancato veglione del 4/12/2016.

Send this to a friend