YouTrend

Iowa: con i caucus satellite è testa a testa fra Buttigieg e Sanders

Con l’arrivo dei dati relativi ai caucus satellite è sostanziale pareggio tra Pete Buttigieg e Bernie Sanders. Ma cosa sono i caucus satellite e perché hanno rimesso Sanders in corsa per la vittoria?

I dati relativi agli scrutini dei caucus dell’Iowa forniti fino a mercoledì sera dalla Democratic National Convention non comprendevano i “satellite caucus”, quei caucus organizzati ad hoc per gli iowans impossibilitati a partecipare ai meeting della sera di lunedì 3 febbraio. Parte di essi si trovava fuori dallo stato, altri in università, case di riposocentri culturali, luoghi di culto. Il numero di State Delegate Equivalents assegnati a ogni caucus satellite varia in base all’affluenza: più persone si recano a votare, più rappresentanti vengono nominati, al contrario dei caucus ordinari che producono un numero di S.D.E. fisso. Il sistema è particolarmente complicato: in breve, ogni 600 votanti assoluti i caucus satellite forniscono un 1% di S.D.E. supplementari (per chi fosse interessato ad approfondire meglio l’argomento, il regolamento è disponibile qui).

Visto che fino all’ultimo momento non si sapeva quanti delegati sarebbero stati espressi (i risultati sono arrivati solo nelle ultime ore), i caucus satellite non sono stati presi in considerazione dalla maggioranza degli analisti al momento dell’elaborazione delle previsioni. Questo spiega anche il 99% di chances di vittoria che il “Needle” del New York Times attribuiva ieri a Buttigieg: l’autore, Nate Cohn, si è scusato su twitter.

[Tutti i risultati dell’Iowa e le prospettive verso il New Hampshire nel nostro articolo aggiornato!]

L’importanza dei caucus satellite

Molti candidati democratici hanno evitato di portare avanti la propria campagna elettorale tra coloro che si sarebbero recati ai caucus satellite, sottovalutando il peso che potevano avere sul risultato finale. Bernie Sanders, invece, ha puntato tantissimo sui campus universitari e sui luoghi di aggregazione delle minoranze etniche. I suoi sforzi sembrano aver pagato: nelle ultime ore il Senatore del Vermont si è portato sostanzialmente in parità con Pete Buttigieg (26,2% contro 26,1%, al 97% dei distretti scrutinati). Per capire quanto è inaspettato questo sviluppo basti pensare che nel momento in cui l’86% dei distretti era stato scrutinato, Buttigieg si trovava in vantaggio di 1,3 punti percentuali negli State Delegate Equivalents.

Il balzo in avanti di Sanders è avvenuto proprio quando sono giunti i risultati relativi ai caucus satellite, di cui tutti (noi compresi) ci eravamo un po’ dimenticati. Per darvi un’idea, nell’ultimo conteggio senza caucus satellite disponibile (sempre quello con l’86% dei distretti scrutinati), Buttigieg aveva un vantaggio di circa 24 State Delegate Equivalents. Sanders ha dimezzato lo svantaggio vincendo 12 S.D.E. in più di Buttigieg nei soli caucus del terzo collegio distrettuale dell’Iowa, e ha guadagnato ulteriore terreno grazie a quelli del secondo e del quarto. Al momento, solo 3,4 S.D.E. separano i due contendenti, quando restano da assegnare ancora tutti i delegati dei caucus satellite del primo distretto congressuale.

Per i nostri lettori più appassionati, la soglia fondamentale individuata da più parti sembra quella dei 600 votanti: nel caso in cui nei caucus satellite del primo distretto i votanti fossero più di 600, scatterebbero abbastanza S.D.E extra per assegnare a Sanders la vittoria. Nel caso in cui fosse l’affluenza inferiore, potrebbe invece non bastare, considerando che mancano anche una trentina di caucus non satellite nel resto dell’Iowa, in cui tutto potrebbe succedere tra Sanders e Buttigieg. Un conteggio indipendente su twitter segnala per ora circa 274 votanti in 6 dei 13 caucus satellite, un dato che lascia aperte tutte le possibilità.

E adesso?

Dunque, gli State Delegate Equivalents ancora da assegnare sono relativi ad alcuni seggi ordinari e ai caucus satellite di un intero congressional district. A seconda dell’affluenza registrata in quest’ultimi, Sanders potrebbe recuperare e addirittura superare Buttigieg, ma potrebbe anche succedere il contrario. Non solo, su twitter diversi utenti segnalano errori nel calcolo dei delegati, sia per quanto riguarda i caucus satelliti che nel caso di alcuni caucus ordinari. Si tratta di errori marginali, che vanno un po’ in tutte le direzioni: per esempio nei caucus satellite sarebbe stato favorito Bernie Sanders, mentre nei caucus regolari Pete Buttigieg. Questo aggiunge ulteriori dubbi sul vero nome del vincitore in Iowa: l’unica certezza è che chiunque vinca vincerà con un margine minimo.

Gianluca De Feo

Trentino, grande appassionato di politica americana ed europea. Vive in Italia ma studia politica e storia del Nord America alla Freie Universität Berlin.

Matteo Cavallaro

Collezionista di titoli di studio, emigrato oltralpe, gran tifoso della Juventus. Mi occupo di tutto ciò che collega elezioni ed economia, cercando di capire come e se queste si possano influenzare a vicenda.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend