YouTrend

Cosa accadrebbe se si votasse con il Germanicum?

Simulazione Quorum/YouTrend per Cattaneo Zanetto & Co: ecco come sarebbero Camera e Senato in caso di elezioni con il Germanicum.

Lo scorso 9 gennaio il Presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera, il pentastellato Giuseppe Brescia, ha presentato una proposta di legge elettorale: già ribattezzata “Germanicum“, essa prevederebbe che deputati e senatori vengano eletti attraverso un sistema proporzionale. Sarebbero quindi aboliti i collegi uninominali del Rosatellum, mentre verrebbero introdotti uno sbarramento al 5% e un diritto di tribuna per quelle forze politiche che non riuscirebbero a raggiungere tale soglia.

Cosa accadrebbe, dunque, se si andasse al voto con questo sistema elettorale? Quorum/YouTrend e Cattaneo Zanetto & Co hanno provato a rispondere a questa domanda, elaborando delle simulazioni – basate sull’ultima Supermedia dei sondaggi YouTrend per Agi – per comprendere gli effetti che potrebbe avere, in caso di voto anticipato, il sistema elettorale depositato da Brescia.

La partita della legge elettorale si incrocia inoltre con quella della riduzione del numero dei parlamentari: per tale motivo, in questa simulazione si considera che Camera e Senato si compongano, rispettivamente, di 400 e 200 membri. Non vengono però inclusi nella simulazione i parlamentari eletti in Valle d’Aosta (1 deputato e 1 senatore) e all’Estero (8 deputati e 4 senatori), pertanto gli emicicli saranno di 391 deputati e 195 senatori.

Così alla Camera

Alla Camera, la Lega avrebbe 143 seggi e, insieme a Forza Italia (30) e Fratelli d’Italia (49), porterebbe il centrodestra a raggiungere agevolmente la maggioranza.

Il Partito Democratico eleggerebbe invece 86 deputati, mentre il Movimento 5 Stelle 76. Infine, sarebbero 5 i deputati di Italia Viva, mentre 2 gli eletti in quota SVP.

Nell’emiciclo di Montecitorio, pertanto, la coalizione di centrodestra disporrebbe di 222 deputati, più del doppio dei 91 che invece riuscirebbe ad eleggere il centrosinistra e quasi il triplo dei 76 del Movimento 5 Stelle.

 

Così al Senato

Al Senato la Lega disporrebbe di 72 seggi. Anche qui, se venissero sommati gli scranni di Forza Italia (16) e Fratelli d’Italia (24), il centrodestra avrebbe la maggioranza.

Movimento 5 Stelle e Partito Democratico eleggerebbero invece, rispettivamente, 37 e 43 deputati. Infine, Italia Viva avrebbe un solo senatore, mentre per la SVP gli eletti sarebbero sempre 2.

Nell’emiciclo di Palazzo Madama, pertanto, la coalizione di centrodestra disporrebbe di 112 senatori, mentre il centrosinistra si fermerebbe a 44 e il Movimento 5 Stelle a 37.

[SCARICA QUI LA SIMULAZIONE COMPLETA IN PDF]

Alessio Vernetti

Nato nel 1997, si è laureato in relazioni internazionali all'Università di Torino, ma ha studiato anche a Sciences Po Lille e ha frequentato il Summer Program della LUISS. Nel 2019 è entrato nel team Quorum ed è coordinatore contenuti di YouTrend.
La sua vita sociale diminuisce considerevolmente man mano che ci avviciniamo alle elezioni.

2 commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Sarebbe bello se voi di Youtrend/quorum rifaceste una cosa del genere tenendo conto di:
    – soglia di sbarramento del 3, del 4 e del 5% visto che non è ancora sicuro quale sarà ..
    – Possibile alleanze iv,leu e azione e leu dentro al PD

Send this to a friend