YouTrend

Brandeburgo e Sassonia: l’avanzata della destra

I risultati delle elezioni regionali ridisegnano la geografia politica della Germania orientale

Le elezioni in Brandeburgo e Sassonia, pur nella differenza di risultati e contesti, hanno mostrato due caratteristiche comuni: la perdita di terreno delle forze al governo nei due Länder e la crescita di Alternative für Deutschland (AfD), il partito di estrema destra tedesco. Anche l’aumento dell’affluenza accomuna i due territori della Germania orientale: in Sassonia ha votato infatti il 66,6% degli aventi diritto (nel 2014 furono il 49,2%) mentre in Brandeburgo si è saliti dal 47,9% di cinque anni fa al 61,3% di domenica.

Guardando ai risultati, in Sassonia la CDU rimane primo partito con il 32,7%, ma perde ben 7,3 punti percentuali, finendo incalzata da AfD, che balza al 27,5% (primo partito tra i giovani con il 22%, secondo FWG). La sinistra della Linke crolla al 10,4% (in calo di oltre 8 punti), mentre la SPD si ferma al 7,7. Bene i Grüne (Verdi), che arrivano all’8,6% crescendo di quasi 3 punti.

Anche in Brandeburgo si assiste a una dinamica simile: i socialdemocratici infatti scendono al 26,2% ma rimangono primo partito. Il vantaggio però è davvero risicato, se si considera che anche qui assistiamo a un boom di AfD che sale al 23,5%. La CDU è ben dietro, al 15,6%, mentre i Verdi salgono fino 10,8% e sono primo partito tra i giovani sotto i 29 anni (23% secondo i dati FWG, tallonato però da AfD, anche qui col 22%). La Linke perde terreno, segnando un record negativo al 10,7%.

Il boom dell’estrema destra, tuttavia, non sembra sufficiente a mandarla al governo dei due Länder: tutti i partiti infatti hanno annunciato di non voler discutere con AfD per formare un esecutivo. Quali sono, allora, le maggioranze possibili? In Sassonia, attualmente governata da una coalizione CDU-SPD, non basteranno questi due partiti per arrivare ai 60 seggi (su 119) necessari a formare una maggioranza. Bisognerà quindi includere i Verdi (12 seggi) o la Linke (14). Ad ogni modo, l’attuale presidente, Michael Kretschmer, potrebbe essere riconfermato, visto anche l’alto gradimento di cui gode (in un sondaggio ARD, il 63% degli intervistati ha dichiarato di giudicare positivamente la sua figura). Tuttavia, AfD è riuscita a guadagnare molti voti dagli astenuti, ben 226 mila secondo l’analisi dei flussi elettorali di Infratest dimap (solo 84 mila dalla CDU e 29 mila dalla Linke).

Anche in Brandeburgo sarà impossibile riproporre l’attuale maggioranza: SPD e Linke, infatti, arrivano insieme solo a 35 seggi, 10 in meno di quelli necessari per formare una maggioranza. La situazione è complicata dal fatto che aggiungendo i Grüne (10 seggi) si raggiungerebbe la maggioranza ma per un solo seggio. I socialdemocratici potrebbero quindi decidere di abbandonare i propri alleati per formare una maggioranza con CDU e Verdi, arrivando a 50 seggi e godendo così di una maggioranza più stabile. Non a caso, nelle ultime ore l’ipotesi sta diventando più concreta. Anche qui, però, potremmo assistere a una riconferma del presidente uscente, Dietmar Woidke.

Pur nella specificità dei contesti locali, dunque, le elezioni per il Landtag (parlamento regionale) in Brandeburgo e Sassonia mostrano alcune dinamiche simili a quelle nazionali: scendono i partiti di governo, salgono i Verdi. All’est, però, la crescita maggiore la registra AfD, confermando il forte radicamento di cui questo partito gode nei Länder orientali. Secondo i flussi elaborati da Infratest dimap, AfD ha triplicato i suoi voti in Sassonia attingendo in primis all’enorme bacino di ex astenuti (226 mila voti), ma anche sottraendo voti alla CDU (84 mila) e alla sinistra radicale (29 mila voti).

Flussi elettorali in Sassonia: voti in entrata verso AfD (2014-2019)

L’arretramento della Linke, infine, segna un punto di svolta per la Germania est. La sinistra radicale era infatti storicamente forte e radicata nei Länder della ex DDR, ma in occasione di queste elezioni è scesa a percentuali in linea con quelle nazionali, che la condannano a partito di secondo piano. A fine ottobre, si voterà in Turingia, un Land piuttosto particolare, dove la Linke è molto forte. Sarà interessante capire se in quel caso la sinistra radicale si confermerà. Ma, per il momento, le elezioni in Brandeburgo e Sassonia hanno modificato in maniera rilevante lo scenario politico dell’est della Germania.

Luigi Daniele

Pugliese classe 1990. Ha studiato filosofia tra Italia e Germania, a Freiburg e Jena. Scrive di politica ed Europa su alcune testate online, e di Germania su Kater. Attualmente lavora al Parlamento Europeo, del Belgio ama le birrerie dove può bere Geuze guardando il Sei Nazioni.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend