YouTrend
Partito Democratico Congresso

Congresso PD: risultati ufficiali e mappa del voto

Zingaretti primo con il 47,4%, Martina secondo al 36,1%, Giachetti terzo all’11,1%: i tre si sfideranno alle primarie il 3 marzo. La mappa e tutti i dati.

Ieri, durante la convenzione nazionale del Partito Democratico all’hotel Ergife di Roma, sono stati comunicati i risultati ufficiali delle votazioni nei circoli da parte degli iscritti. I dati hanno rispecchiato in maniera decisamente fedele quelli parziali che avevamo pubblicato nelle scorse settimane. La competizione si è conclusa, infatti, con Nicola Zingaretti al primo posto con il 47,4%, Maurizio Martina secondo al 36,1% e Roberto Giachetti in terza piazza all’11,1%. Gli altri candidati si sono fermati a soglie più basse: Francesco Boccia al 4%, Maria Saladino e Dario Corallo allo 0,7%. I primi tre si contenderanno la segreteria del PD nelle primarie aperte previste per domenica 3 marzo.

L’affluenza

Oltre alla conferma, piuttosto precisa, dei dati parziali, la notizia è il crollo della partecipazione a questa prima fase del voto. Secondo i dati ufficiali, infatti, hanno votato 189.101 iscritti su un totale di 374.786 aventi diritto, con un’affluenza di poco superiore al 50%. Si tratta di un calo netto rispetto al passato, dovuto sia a una diminuzione degli iscritti (-16,8% rispetto al congresso precedente, tenutosi nel 2017), sia a una flessione dell’affluenza (-8,6%). Due anni fa, all’ultimo Congresso che aveva visto Matteo Renzi prevalere su Andrea Orlando e Michele Emiliano, i votanti erano stati poco più di 266 mila su 450 mila iscritti, con un’affluenza del 59,1%. Nel complesso, quindi, il numero di voti è diminuito del 29%.

Congresso PD – L’evoluzione degli iscritti e dei votanti nei circoli

Se invece si guarda al dato del congresso 2013, che vide Renzi prevalere su Gianni Cuperlo, Pippo Civati e Gianni Pittella, il confronto è ancora più impietoso. All’epoca, gli iscritti erano 543 mila, con 295 mila voti nei congressi di circolo. Addirittura 10 anni fa, nel 2009, il primo congresso con il voto degli iscritti (quello fondativo del 2007, vinto da Walter Veltroni, si basò unicamente sulle primarie), iscritti e votanti erano stati più del doppio rispetto a quelli odierni.

I risultati provincia per provincia

Zingaretti è arrivato primo nel voto fra gli iscritti, con poco meno del 50% e poco più di 10 punti di vantaggio sul suo primo degli inseguitori, Martina. Ma dove hanno raccolto il consenso maggiore e minore i diversi candidati? Lo possiamo scoprire osservando la mappa del voto, basata sui dati #OpenPData che abbiamo raccolto grazie ai nostri utenti su Twitter, Facebook, Instagram e via email. Si tratta di oltre 164 mila voti, pari all’87% di quelli totali. Naturalmente, quando saranno disponibili dati ufficiali disaggregati per provincia o regione, provvederemo ad aggiornare la mappa.

Congresso PD – La mappa del voto per provincia (dati parziali)

Vediamo le aree di forza di ciascun candidato. La prima zona dove Zingaretti riscuote un grande successo è, senza alcuna sorpresa, il Lazio e alcune province limitrofe, come Terni, Isernia, Campobasso e Caserta. Va molto bene in diverse zone della Pianura Padana, che pure potevano in teoria sorridere a Martina: Biella, Vercelli, Pavia, Piacenza, Mantova, Reggio Emilia, Modena e Ferrara. Ma anche al Sud, soprattutto in Calabria e nel sud della Sicilia: a Cosenza, Crotone, Vibo Valentia, Agrigento, Ragusa e Matera fa registrare addirittura percentuali comprese fra il 64 e il 75%. Buon risultato anche in alcune province toscane, come Siena, Livorno, Pisa e Arezzo.

Congresso PD – La mappa del voto di Zingaretti

Per quanto riguarda Martina, le soddisfazioni maggiori provengono dalla Campania: da questa regione gli arrivano addirittura più voti che dalla Lombardia e dal Veneto messi insieme. In particolare le province più generosi verso l’ex segretario reggente, al Sud, sono proprio quelle di Benevento, Salerno, Avellino e Napoli insieme a Potenza in Basilicata e a Palermo, Ragusa e Catania in Sicilia. Al Nord, invece, i risultati migliori li ottiene nella nativa LombardiaLodi, Bergamo, Cremona Sondrio, in Liguria fra La SpeziaSavona, nel Nordest a Padova, Belluno, Verona, Bolzano Gorizia. Nel Centro, invece, Martina manifesta una maggiore debolezza, riuscendo a fare meglio del 40% solo nel nord della Toscana (Massa Carrara, Lucca, Prato, Pistoia, Firenze), a Latina, Fermo, Chieti e L’Aquila. 

Va sottolineato come, in questo caso, il contributo di Matteo Richetti nella sua regione di origine non sia apparso evidente: in Emilia Romagna Martina ha ottenuto un dato inferiore al 36% nazionale in tutte le province, tranne che a Bologna.

Congresso PD – La mappa del voto di Martina

Il voto a Giachetti ha avuto un andamento territoriale molto caratteristico. Per prima cosa bisogna notare che è andato molto bene nelle grandi città: negli 8 comuni più grandi ha ottenuto un risultato intorno al 15%, significativamente meglio rispetto al dato nazionale. La regione di punta per lui è stata senz’altro il Piemonte, dove ha ottenuto quasi ovunque risultati vicini o superiori al 20% ed è giunto in testa in ben tre province: Alessandria, Asti e Verbano-Cusio-Ossola. Buone sensazioni anche nel centro-nord della Lombardia, dove Giachetti è quasi ovunque sopra il 20%, e nelle altre regioni alpine, Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige. Bene anche sulla costa adriatica, fra Romagna e Marche, e in Toscana, soprattutto nelle province di Grosseto e Arezzo.

Da rimarcare infine l’ottima performance in provincia di Perugia, da cui proviene la candidata in ticket Anna Ascani. Al contrario, lo stesso Giachetti non ha sfondato a Roma, dove si era candidato a sindaco nel 2016 ma in cui non è riuscito a superare la popolarità di Zingaretti, fermandosi al 15%.

Congresso PD – La mappa del voto di Giachetti

Discorso più semplice per Francesco Boccia, che ha ottenuto un risultato sopra il 10% solo in Puglia, vincendo con un buon margine nella sola provincia di Barletta-Andria Trani. Al di fuori della regione di provenienza, il deputato di Bisceglie riesce a ottenere risultati in doppia cifra solo a Rovigo e Avellino, dove i congressi avevano sollevato diversi ricorsi, poi respinti.

Giovanni Forti

Romano, studia Economics all'Università di Pisa e alla Scuola Sant'Anna. Quando non è su una montagna, si diverte con sistemi elettorali, geografia politica e l'impatto delle disuguaglianze sul voto.

3 commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Buongiorno. Ringrazio la redazione di Youtrend per la condivisione dei dati.
    Per caso avete i definitivi con tutte le provincie/regioni?
    Grazie

  • Grazie Giovanni del contributo. Il nucleo centrale della sinistra italiana, Emilia-Romagna-Toscana-Umbria-nord Marche e prov. Roma è di Zingaretti, ad esclusione della renziana Firenze. Questo inciderà parecchio sulle primarie del 3 marzo.

Send this to a friend