YouTrend
Quali sono stati i governi italiani più lunghi?

Quali sono stati i governi italiani più lunghi?

Da Alcide De Gasperi a Giuseppe Conte: in meno di 75 anni, l’Italia ha visto susseguirsi 66 governi e 29 Presidenti del Consiglio

Il 2 giugno 1946 nacque la Repubblica Italiana. Da quel momento, in quasi 75 anni di storia, si sono succeduti ben 66 governi e 29 Presidenti del Consiglio. L’instabilità politica è divenuta così elemento fondante della storia repubblicana italiana: in media, ogni esecutivo è rimasto in carica circa 1,2 anni e ogni legislatura ha visto nascere 3,6 governi diversi.

 

I governi più longevi dell’Italia Repubblicana

Ma quali sono stati i governi che sono riusciti, almeno in parte, a smentire il mito dell’instabilità italiana? I primi due posti della classifica sono occupati da due degli esecutivi presieduti da Silvio Berlusconi: il secondo, durato dal 2001 al 2005 (1412 giorni), e il quarto, in carica dal 2008 al 2011 (1287 giorni).  Ricordiamo tutti come finì l’ultima avventura di Berlusconi a Palazzo Chigi: il Popolo della Libertà vinse le elezioni dell’aprile 2008, ma tre anni dopo, travolto dalla crisi globale, il governo fu costretto a dimettersi, e Giorgio Napolitano affidò l’incarico a Mario Monti.

Solamente altri due premier sono riusciti nell’impresa di superare i 1000 giorni in carica. Nella Prima Repubblica è stato il primo governo presieduto da Bettino Craxi, che durò 1093 giorni tra il 1983 e il 1986. Il secondo è stato il più recente Governo Renzi, il quale ricoprì la carica di Presidente del Consiglio tra febbraio 2014 e dicembre 2016.

I governi meno duraturi

Nella storia, ci sono anche Governi che conquistarono record negativi poco invidiabili. In particolare durante la Prima Repubblica. Senza ovviamente considerare le volte in cui il Governo non riuscì neanche ad entrare in carica, non ottenendo la fiducia (capita a De Gasperi, Fanfani e Andreotti), tre esecutivi fallirono nel rimanere in carica per neanche 100 giorni. Il Governo Fanfani I durò appena 22 giorni, e fu il più breve dal 1946 ad oggi. Più in generale, in quasi 160 anni di storia dell’Italia unitaria, soltanto il governo della destra storica presieduto da Tommaso Tittoni fece peggio, restando in carica per appena 12 giorni nel marzo 1905. Non fece molto meglio il governo De Gasperi VIII, sopravvissuto appena 32 giorni, mentre, nel 1982, il secondo mandato di Spadolini si concluse dopo 100 giorni esatti.

 

I presidenti del Consiglio

Silvio Berlusconi guida anche la classifica come premier che ha ricoperto per più giorni l’incarico di primo ministro. Il leader di Forza Italia ha presieduto 4 diversi governi, passando a Palazzo Chigi ben 3339 giorni, ovvero per più di 9 anni. Il record di numero di mandati di primo ministro invece spetta ad Alcide de Gasperi, che ha ricoperto in ben 7 diverse occasioni (e in un’altra il Parlamento gli negò la fiducia) la carica di Presidente del Consiglio, per un totale di 2807 giorni. Occorre però precisare che il primo mandato fu affidatogli da Umberto II quando l’Italia non era ancora Repubblica.

Il Presidente del consiglio che invece ha ricoperto per meno tempo la carica è stato Fernando Tambroni che nel 1960 fu espressione dello sfortunato tentativo di governo di coalizione tra Democrazia Cristiana e Movimento Sociale Italiano.

 

Francesco Cortese

Classe '99. Studio scienze politiche e delle relazioni internazionali all'Università Cattolica di Milano.

1 commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Il tema della stabilità di governo ha varie sfaccettature. L’articolo giustamente non si limita alla durata dei singoli governi ma prende in esame anche la durata complessiva dei premiers. Un altro aspetto non irrilevante è quello della continuità di presenza di ministri ‘chiave’. Tempo addietro feci dei conteggi (che purtroppo non ritrovo più, per cui vado a memoria) da cui risultava che i ministri della difesa, degli interni e degli esteri italiani in media erano stati in carica più dei loro omologhi francesi. E questo già nella tanto vituperata prima repubblica.

Send this to a friend