YouTrend

L’analisi dei flussi: Potenza resta al centrodestra

Mario Guarente succede a Dario De Luca alla guida del capoluogo lucano

Nel capoluogo della Basilicata la vittoria va a Mario Guarente per soli 200 voti: il candidato di centrodestra riesce così a prevalere su Valerio Tramutoli, il candidato di Potenza Città Giardino e La Basilicata Possibile. Al primo turno, però, il distacco tra i due candidati era più netto: Guarente aveva il 44,7% dei voti validi, mentre Tramutoli si fermava al 27,4%.

Come ha fatto dunque Tramutoli ad accorciare così tanto il distacco che lo separava da Guarente? Decisivi sono stati i voti della candidata del centrosinistra Bianca Andretta, fermatasi al primo turno al 18,5%: circa la metà del suo elettorato, infatti, si è riversata su Tramutoli al ballottaggio, e un’altra metà si è astenuta. D’altro canto, tra gli astenuti del ballottaggio sono molti più coloro che il 26 maggio avevano votato Guarente piuttosto che Tramutoli. I voti del candidato pentastellato Marco Falconeri, invece, si sono indirizzati perlopiù verso l’astensione, e solo in parte minore verso i due sfidanti del ballottaggio.

Nota metodologica: i flussi vengono calcolati a partire dai dati per sezione del primo e del secondo turno, eliminando le sezioni con meno di 100 votanti e quelle ospedaliere. Il calcolo avviene con il software R, utilizzando il pacchetto di inferenza ecologica “eiPack”.

Alessio Vernetti

Nato nel lontano 1997, si è laureato in relazioni internazionali all'Università di Torino, ma ha studiato anche a Sciences Po Lille e ha frequentato il Summer Program della LUISS. I suoi interessi principali sono la psefologia, il diritto costituzionale, lo sviluppo internazionale e i mutamenti sociali.
La sua vita sociale è inversamente proporzionale al numero di settimane che mancano alle elezioni.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend