YouTrend
Sondaggi politici elettorali Technè

Sondaggi elettorali – Tecnè, 4 febbraio: balzo in avanti della Lega, giù M5S e PD

L’istituto Tecnè ha trasmesso i suoi ultimi sondaggi durante il programma televisivo Quarta Repubblica. Oltre all’orientamento di voto, sono state analizzate le opinioni degli italiani su diversi temi d’attualità, dall’economia alla Tav. Iniziamo a dare un’occhiata ai risultati, partendo dalle intenzioni di voto.

Stando a queste rilevazioni, vediamo la Lega guadagnare quasi due punti percentuali (+1,9%) per giungere al 32,1%. Arretra, invece, (-0,8%) il Movimento 5 Stelle, ora al 25%. Assistiamo ad un calo (-0,6%) anche sul versante del centro sinistra, dove il Partito Democratico scivola al 17,3%. Del resto la situazione non migliora per il centrodestra: Forza Italia subisce una piccola battuta d’arresto (-0,2%) che la porta al 11,7%, proprio come Fratelli d’Italia (-0,2%) ora al 4,1%.

Sondaggi elettorali Tecnè: intenzioni di voto al 4 febbraio 2019

Sondaggi elettorali Tecnè: storico intenzioni di voto

Sondaggi elettorali Tecnè: maggioranza (Lega+M5S) vs coalizione di centrodestra (Lega + FI + FdI)

Procediamo adesso all’analisi delle coalizioni e del peso della maggioranza. L’area di governo viene trascinata dal risultato della Lega e cresce dell’1,1% per arrivare al 57,1%. Anche la coalizione di centrodestra gode dei benefici legati al balzo in avanti del partito di Matteo Salvini. Questo la conduce ad un bilancio positivo notevole, pari all’1,5%. Così, il centrodestra oggi è dato al 47,9%, una percentuale che in base all’attuale sistema elettorale, consentirebbe a questa coalizione di governare l’Italia in autonomia.

Sondaggi elettorali Tecnè: quale fattore ha più influenzato l’attuale fase di recessione?

Giungiamo dunque ai sondaggi d’opinione, e partiamo con l’economia. L’istituto Tecnè ha chiesto agli italiani qual è il fattore che ha giocato un ruolo più incisivo nel portare il paese in recessione. Uno su tre (33%) identifica lo scenario economico internazionale come causa scatenante della recessione. A seguire, troviamo la percentuale di coloro che dichiarano di non sapere, ovvero ben il 25% degli intervistati. Con un solo punto di distanza, invece, c’è chi crede sia causa delle politiche economiche dei governi precedenti, mentre solo il 18% ritiene siano le politiche dell’attuale governo, quelle ad aver influito maggiormente.

Sondaggi elettorali Tecnè: la Tav va realizzata?

Ma cosa pensano, invece, gli italiani della Tav? Ben il 61% è convinto che la grande opera, di cui si discute oramai da parecchio tempo, andrebbe realizzata. Del parere opposto, invece, il 25% degli intervistati, mentre il 14% dichiara di non saperne abbastanza. I dati, tuttavia, variano all’interno delle diverse aree geografiche. Difatti, se al Nord si arriva al 65% dei sì alla Tav, scendendo lungo la penisola vediamo le percentuali assottigliarsi ed arrivare, così, al 61% per il centro e al 55% al sud. Quindi osserviamo i non so crescere (15% per il centro, 16% per il sud) accompagnati dai no alla Tav: 24% al centro, 29% al sud. Eppure, nonostante le differenze, la maggiorparte degli intervistati, anche nelle singole zone, rimane convinta della realizzazione dell’opera.

Sondaggi elettorali Tecnè: Salvini andrebbe processato per il caso Diciotti?

Giungiamo così all’ultimo sondaggio d’opinione, quello sul processo al ministro Salvini per il caso Diciotti. In questo caso il 55% degli intervistati si dice contrario a tale eventualità. Il 29%, invece, è favorevole mentre il 16% dichiara di non essere abbastanza informato o, più semplicemente, di non saper fornire una risposta. Com’era facile aspettarsi, i dati cambiano radicalmente all’interno dell’elettorato leghista. Trionfano, praticamente con un plebiscito (98%), i no al processo, mentre la situazione è meno sbilanciata tra gli elettori Cinque Stelle. Qui, difatti, prevalgono sempre i pareri contrari, ma al 54% con un 34% (quindi più di uno su tre) che si dichiara invece favorevole.

Redazione

La redazione di YouTrend

2 commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

I nostri social

Seguici sui nostri canali social per non perderti nessuno dei nostri contenuti

Supermedia dei Sondaggi

Send this to a friend