YouTrend

Verso le Comunali: Regioni Rosse

Dopo la prima puntata sulle città del Nord, ci concentriamo sui capoluoghi di Emilia-Romagna, Toscana, Marche e Umbria. Il centrosinistra punta all’en plein, ma troverà impegnativo vincere ad Ascoli, mentre anche a Pesaro la minaccia grillina potrebbe essere seria. In ogni caso, anche se le vittorie al primo turno dovessero essere scarse, la compagine di sinistra dovrebbe portare a casa quasi tutte le città al voto nelle proprie roccaforti.

REGGIO EMILIA

Luca Vecchi, delfino dell’ex sindaco Graziano Delrio, è il candidato di una larga coalizione di centrosinistra (PD, SEL, IDV, Centro Democratico, 3 liste civiche) dopo aver vinto nettamente le primarie cittadine. Il segretario comunale PD e attuale capogruppo in consiglio si avvia verso una vittoria che appare scontata, vista la lunga tradizione reggiana di amministrazioni rosse. Il sondaggio Swg commissionato a fine Aprile dal PD conferma questa impressione, dando Vecchi fra il 50 e il 54% dei voti. Seconda si piazza invece Donatella Prampolini, sostenuta dal centrodestra (FI, NCD, FDI e una civica), la Presidentessa di Confcommercio che si ferma però fra il 17 e il 21%. Al terzo posto sarebbe designato il pentastellato Norberto Vaccari, dato fra i 12 e i 16 punti percentuali. Chiudono una lunga lista di candidati minori: Gianluca Vinci (Lega), Francesco Fantuzzi (Prc), Antonio Casella (Pdci), i due civici Ernesto D’Andrea e Cinzia Rubertelli. Per noi l’unico dubbio è se Vecchi si imporrà al primo o al secondo turno. CSX SOLID

Comunali 2004: CSX 63.2, CDX 12.7, Civica 8.2, AN 7.3, Civica 5.0, Lega Nord 3.6

Comunali 2009: CSX 52.4, Lega Nord 18.2, PDL 14.8, UDC 6.8, M5S 3.2

Politiche 2013: CSX 45.4, M5S 22.8, CDX 17.3, Centro 10.0, Riv. Civile 2.0, Fare 1.2

 

MODENA

Competizione affollata a Modena. Il centrosinistra ha trovato il proprio candidato in Giancarlo Muzzarelli (assessore regionale e fedelissimo del governatore Errani, cuperliano nel 2013) in primarie molto contestate, con sospetti inquinamenti del voto che hanno portato il segretario regionale Bonaccini a contestate prese di posizione sul voto degli immigrati. Il centrodestra non sembra però in condizione di trarre giovamento da questo sbandamento del PD. Si presentano infatti tre candidati di quell’area, nessuno particolarmente forte: Giuseppe Pellacani (FI, FDI, UDC), Stefano Bellei (Lega Nord) e il senatore-picconatore Carlo Giovanardi (NCD). Ciò potrebbe invece avvantaggiare il candidato del M5S Marco Bortolotti, impiegato informatico nel settore sanitario e attivo nell’associazionismo, che potrebbe arrivare al ballottaggio con Muzzarelli. Non mancano neanche candidature ribelli come quelle di Flavio Novara (Sinistra) e Vittorio Ballestrazzi (civico dissidente grillino), che potrebbero sottrarre consensi ai due favoriti. Chiudono il gruppo i due civici Antonio Montanini e Adriana Querzè. Modena è una città di sinistra e dovrebbe reggere bene, anche un eventuale ballottaggio non sembra impensierire il PD. Effetto Pizzarotti scongiurato. CSX SOLID

Comunali 2004: CSX 63.8, CDX 31.2, Lega Nord 3.0

Comunali 2009: CSX 50.1, PDL 23.3, Lega Nord 10.9, IDV 5.0, UDC 4.1, M5S 3.5

Politiche 2013: CSX 46.0, M5S 19.9, CDX 18.3, Centro 10.1, Fare 2.2, Riv. Civile 2.0

 

FERRARA

Il sindaco uscente Tiziano Tagliani cerca il secondo mandato, sostenuto da PD, SEL, CD e una lista civica, forte del 55% di giudizi positivi secondo IPR. I suoi contendenti corrono sparsi verso Palazzo Ducale. Il centrodestra candida l’artitetto Vittorio Anselmi (FI, FDI, Lega Nord), già consigliere provinciale, e Francesco Fersini (NCD). Il M5S lancia il medico anestesista Ilaria Morghen. Sono presenti anche le candidature di Giuseppe Fornaro (Valori di Sinistra, appoggiata da Prc e Pdci), e i tre civici Mario Zamorani, Francesco Rendine (passato alla storia per la proposta di dialetti in ferrarese con traduzione simultanea), Marica Felloni (che vuole un casinò nel Castello Estense). Sarà Tagliani al primo o al secondo turno? Molto dipende dall’affluenza a il responso sarà CSX SOLID

Comunali 2004: CSX 54.4, FI + Lega Nord 20.7, AN + UDC 17.3, Civica 6.4

Comunali 2009: CSX 45.7, PDL 25.5, Civica 9.6, Lega Nord 7.0, Prc-Pdci 3.9, Civica 3.4. Ballottaggio: CSX 56.8

Politiche 2013: CSX 41.1, CDX 22.3, M5S 21.9, Centro 9.4, Riv. Civile 2.0, Fare 1.6

 

FORLÌ

L’attuale assessore Davide Drei è il candidato del centrosinistra (PD, A sinistra con Drei, civica), incoronato prima dal sindaco uscente Roberto Balzani e successivamente dalle primarie. A fronteggiarlo per il centrodestra sarà la commercialista ed ex atleta di fama nazionale Annarita Balzani (FI, FDI, civica), che perde però il sostegno della Lega, che candiderà Daniele Mezzacapo, segretario cittadino. I grillini si dividono fra il sostegno ufficiale al finanziere Daniele Avorio, eletto dagli attivisti di Forlì, e la consigliera comunale Raffaella Pirini (DestinAzione Forlì). La sinistra si presenta con Pino Perini (Insieme da Sinistra, animata da SEL), Nicola Candido (Sinistra per Forlì) e Paolo Turchi (PCL). Chiudono due civici, Andrea Pasini e Luigi Ascanio, più il candidato di destra Paola Monaldi (Movimento Idea Sociale). Le numerose candidature e il fatto che Balzani fosse stato eletto al ballottaggio nel 2009 ci fa pensare ad un secondo turno, ma il risultato pende a favore di Drei. CSX SOLID.

Comunali 2004: CSX 58.7, CDX 35.9, Civica 4.4

Comunali 2009: CSX 49.4, CDX 40.3, Civica 4.4. Ballottaggio: CSX 55.0

Politiche 2013: CSX 41.1, M5S, 22.2, CDX 21.3, Centro 9.2, Riv. Civile 2.2, Fare 1.6

 

CESENA

Paolo Lucchi del PD dopo aver vinto le primarie corre per un secondo mandato per Palazzo Albornoz con il sostegno di SEL, Prc e due liste civiche Il sindaco, già bersaniano e poi renziano come queste terre romagnole, sarà sfidato da numerosi candidati. Il centrodestra anche qui si presenta diviso con l’ingegnere cattolico Gilberto Zoffoli (FI, NCD, PRI-Fare, FDI), la Lega Nord candida la consigliera comunale Antonella Celletti e i LiberalDemocratici Luigi Di Placido. Il M5S candida Natascia Guiduzzi, impiegata 38enne. Presenti anche i due candidati civici Vittorio Valletta e Matteo Micucci. Vista la presa che il PD ha ancora nel cesenate, ci sentiamo di dire CSX SOLID

Comunali 2004: CSX 47.9, CDX 22.2, PRI 7.1, An 5.2, Verdi 4.3. Ballottaggio: CSX 57.9

Comunali 2009: CSX 51.9, PDL 19.4, Lega Nord + PRI 14.8, UDC 5.4, M5S 4.1.

Politiche 2013: CSX 41.2, M5S 26.0, CDX 16.9, Centro 10.2, Riv. Civile 1.7, PRI 1.2, Fare 1.2

 

FIRENZE

In 10 corrono per la poltrona che fu di Matteo Renzi a Palazzo Vecchio. Il favorito è ovviamente Dario Nardella, fedelissimo del Presidente del Consiglio e già vicesindaco durante l’amministrazione precedente. Plebiscitato dalle primarie comunali, incassa il sostegno del PD, Socialisti e Verdi, Pdci, IDV e tre liste civiche. A tentare di scippare un ballottaggio ci sarà il già capogruppo FI in consiglio comunale Marco Stella, sostenuto anche dalla Lega e dalla Lista Galli (legata al candidato del centrodestra nel 2009), ballottaggio che risulta però poco probabile visto il frazionamento delle forze conservatrici. Si presentano in autonomia infatti sia NCD-UDC con Gianna Scatizzi (Presidente di Confartigianato Firenze), sia FDI e Alleanza per Firenze con l’ex senatore e attualmente deputato meloniano Achille Totaro, figura di spicco della destra fiorentina. Il vero ostacolo per Nardella potrebbe essere la candidatura dell’ex assessore comunale e regionale Cristina Scaletti, sostenuta da 3 liste civiche. Da verificare il suo reale peso elettorale. Per il M5S si presenta l’attivista 38enne Miriam Amato, mentre si conferma la frattura fra centrosinistra e sinistra radicale, che si presenta con Tommaso Grassi (SEL, Prc e una lista personale). Chiudono Attilio Tronca per il PCL, e i due candidate civiche Laura Bennati (Una città in comune) e Paola Manneschi (repubblica Fiorentina). Ballottaggio o no, nel capoluogo più di centrosinistra d’Italia, centrosinistra sarà. CSX SOLID

Comunali 2004: CSX 49.2, CDX 29.7, Sinistra 12.3, Civica 4.6. Ballottaggio: CSX 66.0

Comunali 2009: CSX 47.6, CDX 32.0, Sinistra 8.4, Civica 4.1, Civica 3.3. Ballottaggio: CSX 60.0

Politiche 2013: CSX 48.3, M5S 18.0, CDX 18.0, Centro 10.2, Riv. Civile 2.7,  Fare 1.3

 

PRATO

Il sindaco uscente Roberto Cenni cerca la riconferma, sostenuto da un’ampia coalizione di centrodestra (FI, Lega Nord, FDI, UDC e 4 liste civiche), anche se perde il sostegno del NCD, che candida Carlo La Vigna (58 anni, ex consigliere personale PDL e ex comandante provinciale dei Carabinieri). Impresa ardua dunque per Cenni, che secondo IPR ha un tasso di approvazione pari al 45%, posizionandosi 94esimo su 102 capoluoghi censiti. Il centrosinistra schiera il deputato renziano Matteo Biffoni (sostenuto da PD, SEL, IDV, Federazione della Sinistra, Scelta Civica e due liste personali). La candidata dei grillini sarà invece la 34 ex commerciante e attualmente disoccupata Mariangela Verdolini, che ha battuto nelle consultazioni web fra gli attivisti il candidato M5S 2009 Fausto Barosco. Si candidano anche Emiliano Bonini (Fare), e i due civici Riccardo Bini e Alessandro Rubino. A insaporire la sfida Mario Tognocchi (due liste civiche, “Scaricare tutto tutti”: a favore della massima deducibilità fiscale) e Gilberto Gallucci (del Partito Umanista, che si batte contro il neoliberismo finanziario). Il ballottaggio è una possibilità, ma il centrosinistra parte molto avvantaggiato. CSX SOLID

Comunali 2004: CSX 53.0, CDX 33.0, Sinistra 8.1, Nuovo PSI 3.0

Comunali 2009: CSX 47.5, CDX 45.1. Ballottaggio: CDX 50.9

Politiche 2013: CSX 40.8, M5S 23.5, CDX 21.8, Centro 8.9, Riv. Civile 1.9, Fare 1.5

 

LIVORNO

A Livorno invece il centrosinistra cerca di vincere al primo turno in una città di solide radici di sinistra. Candidato è Marco Ruggeri (PD, SEL, IDV, PSI, civica), capogruppo PD in consiglio regionale, vincitore con ampio margine delle primarie cittadine (anche qui solo 4mila votanti però). Come spesso abbiamo visto, anche qui il fronte moderato si divide fra Elisa Nicosia (FI), Marcella Amadio (FDI, Lega e UDC), Costanza Vaccaro (NCD). Numerose le altre candidature a sinistra, fra cui il 33enne formatore e docente Andrea Raspanti (tre civiche e Sinistra Unita per Livorno), l’agronomo Marco Cannito (due liste) e Ruggero Rognoni (PCL). Troviamo infine due candidature civiche (Cristiano Toncelli e Jacopo Toninelli), oltre a quella del magistrato cattolico Ugo De Carlo (Fare). Un sondaggio Swg di inizio aprile dava Ruggeri al 50%, mentre il CDX si fermava al 18%, con il M5S al secondo posto al 19%. L’alternativa alla vittoria al primo turno del centrosinistra sembra quindi un interessante ballottaggio col M5S, ma per noi resta CSX SOLID.

Comunali 2004: CSx 55.1, CDX 24.2, Prc 10.8, Verdi 3.7, Civica 3.2

Comunali 2009: CSX 51.5, CDX 28.3, Civica 9.1, Prc-Pdci 5.5, Civica 3.2

Politiche 2013: CSX 44.1, M5S 27.1, CDX 14.9, Centro 7.0, Riv. Civile 4.7,  Fare 0.9

 

PESARO

A Pesaro il presidente della Provincia Matteo Ricci, il renziano della seconda generazione che portò in dote al rottamatore il nord delle Marche, corre con l’appoggio del PD e di otto liste di estrazione civica, di centro e di sinistra. Il centrodestra candida l’imprenditrice Roberta Crescentini, aderente a Fermare il declino, con il sostegno di FI, FDI, Lega Nord, NCD-UDC e tre liste civiche. Riuscirà a strappare il secondo posto a Stefano Pazzaglia, commerciante pentastellato? Si presentano anche altri due competitor a sinistra: Luca Scarpetti per l’IDV (una delle poche candidature indipendenti per il partito che fu di Di Pietro) e Gianmarco Romagna per il PCL. Igor Fradelloni e Albino Calcinari corrono come civici. Ricci parte di gran lunga in vantaggio, specie nel caso in cui i grillini non riuscissero ad arrivare secondi. Al contrario, in un ballottaggio PD-M5S ci sarebbe più suspense . CSX LEANING

Comunali 2004: CSX 56.1, CDX 19.7, Civica 17.9

Comunali 2009CSX 52.3, CDX 26.9, Civica 7.4, Lega Nord 4.5, M5S 3.6

Politiche 2013: CSX 34.1, M5S 33.7, CDX 17.5, Centro 10.4, Riv. Civile 1.7, Fare 1.4

 

URBINO

In corsa per il ducato abbiamo 3 uomini e 3 donne. La vincitrice delle primarie cittadine, Maria Clara Muci (PD) è sostenuta da una coalizione formata anche da Scelta Civica e due liste civiche. Il centrodestra si compatta attorno a Maurizio Gambini, sostenuto da Forza Urbino, NCD-UDC e una civica. Gambini incassa il sostegno anche di Vittorio Sgarbi, a lungo dato come candidato sindaco della lista Verdi-art.9, ma che alla fine si è limitato all’appoggio, con la promessa di diventare assessore alla cultura in caso di vittoria. Corrono anche l’insegnante Emilia Forti (M5S), l’ex assessore al turismo Maria Francesca Crespini (CUT Libera Tutti, nome curioso con allusioni ai tagli, al dialetto urbinate e a vari acronimi), Pasquale Dimitri (civica) e Gualtiero de Santi (Sinistra Agorà). La Muci ha un’ampia coalizione a sostegno in una città di lunga tradizione comunista, e in caso di ballottaggio potrebbe quasi certamente contare sul supporto degli elettori di de Santi. Il ducato rimarrà a sinistra. CSX SOLID

Comunali 2004: CSX 68.6, CDX 27.8, Sinistra 3.6

Comunali 2009CSX 54.5, Civica 23.9, Civica 17.4, UDC 4.2

Politiche 2013: CSX 43.6, M5S 25.9, CDX 15.2, Centro 10.6, Riv. Civile 2.5, Fare 1.1

 

ASCOLI PICENO

Unica corsa davvero competitiva quella per Palazzo dell’Arengo, con il sindaco uscente Guido Castelli supportato da uno stormo di liste (FI, FDI, NCD e ben 8 civiche). Dalla sua ha un tasso di approvazione del 53%, ma perde il sostegno del centro che si sposta sulle candidature di Valerio Camela (UDC) e dell’ex assessore Davide Aliberti (4 civiche). Per il centrosinistra corre il renziano Giancarlo Castiglia (PD, SEL e due civiche, di cui una dall’evocativo e si spera benaugurante “Ascoli Cambia Verso”). Completano l’affresco tre candidature indipendenti: Micki Girardi, Pasquale Allevi e Ilaria Mascitti (figlia d’arte, il papà Roberto è ex consigliere comunale e candidato in lista). La previsione penderebbe a favore del centrodestra, se non ci fosse il grande rischio di un ballottaggio a scarsa affluenza con conseguente remuntada progressista. Sfida interessante. TOSS UP.

Comunali 2004CDX 50.3, CSX 42.9

Comunali 2009CDX 50.7, CSX 49.3

Politiche 2013: CSX 29.4, M5S 29.2, CDX 24.4, Centro 11.6, Riv. Civile 2.3, Fare 1.0

 

PERUGIA

A Perugia a cercare la riconferma è Wladimiro Boccali, sostenuto da liste PD, SEL, IDV, Prc-Pdci, due liste civiche di estrazione centrista. Proprio queste due liste potrebbero essere la chiave di volta della rielezione di Boccali, relativamente poco popolare in città (48% di pareri favorevoli secondo IPR). Tentano di contrastarlo sia il centrodestra, unito attorno al giovane avvocato e consigliere comunale Andrea Romizi (FI, FDI, NCD e due civiche). Correrà anche Cristina Rosetti (M5S), a capo di una nota associazione di consumatori. Corrono per Palazzo dei Priori anche Adriana Galgano (Scelta Civica) e il locale Urbano Barelli. Due sondaggi circolati in città. Il primo (IPR, febbraio) vede il CSX al 45%, con CDX secondo al 29% e M5S al 25. Il secondo (commissionato da FI, aprile) darebbe il CSX al 49.5%, M5S al 26.5% e CDX al 23%. Quindi grillini in gran forma (una delle poche città dove confermerebbero il risultato delle politiche), ma PD e alleati resistono. Per noi è CSX SOLID.

Comunali 2004: CSX 66.0, CDX 30.4

Comunali 2009: CSX 52.9, CDX 37.7, Civica 3.1

Politiche 2013: CSX 37.0, M5S 25.6, CDX 22.0, Centro 11.2, Riv. Civile 2.7, Fare 1.4

 

TERNI

Lorenzo Di Girolamo (PD) cerca un secondo mandato nella città dell’acciaio, sostenuto da SEL, IDV e tre liste civiche. Il suo tasso di approvazione per IPR è del 52.5%, quindi parte favorito. Il centrodestra contrappone l’ex consigliere regionale Paolo Crescimbeni (FI, FDI e tre liste civiche). Crescimbeni si contenderà il secondo posto con la grillina Angelica Trenta, insegnante, che vanta meno della metà dei suoi anni (33). Candidatura pesante quella di Franco Todini, ex segretario del consiglio regionale, candidato con l’originale lista civica “Il cammello”. Un ulteriore grattacapo per Di Girolamo le candidature dell’ex PDL Dario Guardalben (Scelta Civica), del 28enne segretario cittadino Lorenzo Carletti (Prc) e di Francesco Bartoli (con sostegno due civiche di orientamento verde e partecipativo). Fioriscono inoltre ben quattro candidature civiche (Valerio Mecarelli, Romano Sciarretta, Stefano Bolletta e Enrico Busco), mentre si presenta anche Casapound con Piergiorgio Bonomi. Di Girolamo dovrebbe farcela, ma l’ampia concorrenza potrebbe rimandare la sua probabile vittoria al secondo turno, portandoci a un CSX LEANING.

Comunali 2004: CSX 69.1, CDX 29.3

Comunali 2009: CSX 49.4, CDX 37.1, UDC 5.4, Civica 5.0. Ballottaggio: CSX 53.0

Politiche 2013: CSX 37.0, M5S 26.4, CDX 24.0, Centro 8.8, Riv. Civile 3.0, Fare 0.8

 

Andrea Piazza

Laureato in Politica, Amministrazione e Organizzazione all'Università di Bologna, lavora al servizio Affari Istituzionali dell'Unione della Romagna Faentina. Si interessa di sistemi partitici e riordino territoriale. Ha una grave dipendenza da cappelletti al ragù.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend