YouTrend

Immigrazione e omicidi: esiste una correlazione?

Immigrazione e omicidi: la cronaca riporta sempre la nazionalità (spesso straniera) di chi commette un omicidio. Ma esiste una correlazione tra le due cose?


Negli ultimi anni tra i temi più dibattuti mediaticamente e politicamente vi stato il legame tra aumento dell’immigrazione e la criminalità. Non sono mancati scontri pesanti, un effluvio di cifre e dati, e richiami all’emergenza e reazioni opposte.

Vediamo di analizzare i dati più certi statisticamente e trarne alcune considerazioni.

Sulla criminalità il dato più certo è quello sugli omicidi. Certamente è solo uno dei crimini, ma a differenza di altri tipi di violenza (si pensi agli stupri avvenuti tra le mura domestiche) non conoscono il problema della mancata denuncia in un numero rilevante di casi.

Cominciamo con il constatare che gli omicidi in Italia sono diminuiti dal 2005 al 2010, indicando come riferimento il tasso di omicidi ogni 100 mila abitanti:

È chiaro come sia proseguito un calo degli omicidi legati alla criminalità organizzata e parallelamente non vi sia stato un aumento dovuto ad altri fattori.

Negli stessi anni la proporzione fra stranieri e cittadini in Italia è aumentata significativamente, seppure in modo molto diseguale tra le regioni. Per questo motivo è interessante vederne tre:

Se vogliamo cominciare a cercare possibili correlazioni è interessante mettere in ordine le regioni per incidenza della popolazione straniera e vedere quanti omicidi (dati 2010) si siano verificati:

Emerge in modo evidente che le regioni meridionali, in cui gli omicidi sono rimasti su livelli superiori alla media nazionale, siano quelli in cui il tasso di immigrazione sia minore, si guardi in particolare alla Calabria.


Per fare osservazioni scientificamente più corrette, tuttavia, potremmo usare il tasso di correlazione statistica, in particolare l’indice di correlazione di Pearson (ovvero la covarianza delle due variabili divisa per il prodotto delle loro deviazioni standard).

Con questo indice confrontiamo le due serie di variabili, ossia il tasso di omicidi ogni 100 mila abitanti e il tasso tasso di immigrati nella popolazione, per tutti gli anni considerati:

Pur se in leggera diminuzione, tra l’altro interrotta nel 2010, la correlazione negativa rimane netta.

Si possono osservare, prendendo una sola regione per volta come riferimento, le due stesse serie di variabili come cambiano nel corso degli anni:

Vediamo così che anche in Lombardia, dove la serie degli omicidi non ha subito il calo dovuto al cambio di strategia della criminalità organizzata, la correlazione rimane negativa, visto che ad un aumento deciso dell’immigrazione non è corrisposto un aumento degli omicidi, bensì l’opposto.

Naturalmente si potrebbe obiettare che l’impatto dell’immigrazione si avverte in misura maggiore su altri crimini di particolare allarme sociale (come rapine o stupri) ma, come detto, queste risentono di un bias (la mancanza di denunce) che gli omicidi non subiscono.

Se anche volessimo osservare la classifica europea degli omicidi scopriremmo che vi sono i 3 Paesi Baltici, Finlandia e Bulgaria ai primi 5 posti, con un tasso che va da 2 a 7 volte quello italiano. Stiamo parlando di Paesi con tassi di immigrazione minimi.

È allora interessante chiedersi quanta attenzione i media pongano in Italia ed Europa alle reali determinanti degli omicidi, che sembrano essere di natura mafiosa, o ancor più legati a fattori come l’alcol e la disgregazione familiare, e quanto spazio viene invece dato alle varie “emergenze immigrati”.

Gianni Balduzzi

Classe 1979, pavese, consulente e laureato in economia, cattolico-liberale, appassionato di politica ed elezioni, affascinato dalla geografia, dai viaggi per il mondo, da sempre alla ricerca di mappe elettorali e analisi statistiche, ha curato la grande mappa elettorale dell'italia di YouTrend, e scrive di elezioni, statistiche elettorali, economia.

6 commenti

  • E’ un calcolo sbagliato, lei prende come dato di fatto che gli omicidi siano stabili e il numero di immigrati l’unica variabile correlata con essi. Potrebbero essere diminuiti per la legge sullo stalking, per l’aumento degli arresti di criminali pericolosi, inoltre la loro diminuzione è fisiologica, anche quando non c’era immigrazione gli omicidi diminuivano.

    Aggiungo, è anche possibile che gli omicidi diminuiscano a ritmo inferiore rispetto al passato! Magari proprio a causa dell’aumento degli immigrati.
    Ci vogliono più dati..

    Legga questo e consideri che gli stranieri sono circa il 10% della popolazione.
    FONTE ISTAT:
    Un terzo dei reati violenti commessi in Italia sono per mano di uno straniero. In particolare, rilevano i dati dell’Istat più recenti in materia , gli immigrati sono autori del 39% dei casi di violenza sessuale, del 36% degli omicidi, del 27% dei denunciati per lesioni dolose. Significativa la rilevanza degli stranieri nei borseggi: 7 su 10 sono ad opera loro.

    Buona serata!

  • Agli immigrati non interessa uccidere, interessa stuprare e rubare, questa indagine é strumentale. Quando si apre il giornale o si ascolta un telegiornale gli immigrati sono prepotentemente presenti nei reati, e anzi…contrariamente quanto affermato sopra, spesso neutralizzano l’informazione non specificando l’origine del reo. Spesso si legge ” ragazzo” …oppure ” ventenne” oppure ” operaio” , se poi entri nell’intimo dell’articolo e leggi non solo il titolo , scopri che son sempre tunisini o marocchini o egiziani e simili. Se in carcere la popolazione extracomunitaria sono il 40 per cento in Italia in totale sono l’otto per cento….non é certo frutto dell’immaginazione del collettivo, che gli extracomunitari siano molto…molto piu propensi all’illegalitá, basta leggere i numeri senza farsi prendere dalle ideologie facili del buonismo cieco alla Boldrini.

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

Most discussed