YouTrend
Le simulazioni di TP: Emilia Romagna

Le simulazioni di TP: Emilia Romagna

Vittoria facile per il centrosinistra in Emilia Romagna.

Siamo certo lontani dai fasti del 2005, in cui Errani con la medesima coalizione superava il 60% dei consensi, ma la regione rimane saldamente a sinistra. Il Partito Democratico, a differenze che alle Europee, dovrebbe riuscire a superare il 40%.  A sinistra la lotta “interna” tra RC-CI e l’area della ex SEL dovrebbe vedere ancora in testa i comunisti.

emr

Buona la prestazione dell’UDC fuori dai poli, in salita rispetto al 2005 ed in grado di togliere voti sia a destra che a sinistra. Stando ai nostri calcoli saranno gli unici in grado di eleggere stando fuori dalle coalizioni. Molto indietro i Radicali, i grillini e il Partito Comunista dei Lavoratori.

Nel centrodestra avanza il verde della Lega Nord, con ogni probabilità in grado di superare i fasti delle ultime europee confermandosi il terzo partito della regione. A farne le spese principalmente il PDL, in calo rispetto al 2005 ed alle ultime Europee. Margini ridotti, come un po’ in tutto il Nord Italia, per le liste minori del centrodestra e per le formazioni della destra radicale, siano esse in coalizione o fuori.

 

Matteo Cavallaro

Collezionista di titoli di studio, emigrato oltralpe, gran tifoso della Juventus. Mi occupo di tutto ciò che collega elezioni ed economia, cercando di capire come e se queste si possano influenzare a vicenda.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend