YouTrend

Un mese dal voto, ancora nessuna maggioranza: tutti i possibili scenari post-voto


A poco meno di un mese dalle elezioni, i sondaggi ci dicono che lo scenario è ancora molto incerto, e la possibilità che una coalizione riesca a ottenere una maggioranza in grado di formare un governo sembra ancora remota.

Con la pubblicazione delle liste di candidati è stato possibile fare una proiezione più dettagliata della possibile composizione che il Parlamento avrà dopo il voto del 4 marzo, e di quelli che sono i possibili scenari del post-voto.

20180201 EMICICLI SM CAM PARTITI Un mese dal voto, ancora nessuna maggioranza: tutti i possibili scenari post voto

Alla Camera, secondo le nostre proiezioni, è la coalizione di centrodestra a essere in vantaggio: dovrebbe otterrebbe intorno ai 284 seggi, contro i 153 di PD e alleati, i 156 del Movimento 5 Stelle e i 25 della sinistra di Liberi e Uguali. Ancora lontana per tutti, dunque, quella quota 316 che consentirebbe di formare un governo senza cercare alleanze in Parlamento.

20180201 EMICICLI SM SEN PARTITI Un mese dal voto, ancora nessuna maggioranza: tutti i possibili scenari post voto

Situazione simile al Senato, dove la quota per raggiungere la maggioranza è fissata a 158 seggi. Con PD e alleati fermi a quota 77, Movimento 5 Stelle a 80 e coalizione di centrodestra a 140, nessuno riuscirebbe ad avvicinarsi alla maggioranza.

Quali sono i possibili scenari, dunque? Con nessun partito o coalizione in grado di accaparrarsi la partita da solo, si aprono strade a possibili alleanze post-voto.

Anche queste opzioni, però, sembrano molto poco concrete: l’ipotesi più in voga, la “grande coalizione” tra Forza Italia e centristi da un lato e PD e alleati minori dall’altro, si fermerebbe a 293 seggi alla Camera e 152 al Senato, non garantendo così una maggioranza in grado di formare un governo. Le possibili alternative sembrano ancora più irrealizzabili: scartando un’ipotesi “sovranista”, vale a dire un’alleanza tra Movimento 5 Stelle, Lega e Fratelli d’Italia, resta l’ipotesi di un “governo del presidente”, retto da PD, Forza Italia, centristi e Liberi e Uguali. Ma, sempre se tutti gli attori in campo accettassero quest’ultima ipotesi, trovando un difficile accordo sul premier (quasi certamente un tecnico, o l’attuale Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni), si tratterebbe di un governo in grado di far poco, e per poco tempo.

Un’ipotesi, dunque, di traghettamento verso nuove elezioni, da organizzare in tempi molto brevi.

Emanuele Mercurio

3 commenti

  • A me non dispiace la coalizione di lega, fratelli d’Italia e partito 5 stelle. Un mio pensiero… il partito 5 stelle perde molto perché è Non ha delle soluzioni rigide x l’immigrazione

    • Infatti anch’io sono perplesso sul fatto che da parte dei 5s non ce una presa di posizione netta sul fenomeno dei clandestini

      • Perché perplesso per la posizione non netta? Ricalca la posizione non netta sull’Euro, per esempio. Il motivo della non posizione netta giace nel voler 1) pescare voti a destra e sinistra e 2) i ”fedelissimi” dei 5stelle provengono in gran parte dal centrodestra e in (poco più piccola parte) dalla sinistra. Quindi se i 5s non vogliono perdere voti devono per forza essere ambigui

I nostri social

Seguici sui nostri canali social per non perderti nessuno dei nostri contenuti