Hillary-Trump, l’imprevedibile tycoon è in crisi. Ma l’ex first lady deve affidarsi alle “controfigure”

5 mesi ago


Diffidiate di chi sventola i dati di un sondaggio nazionale sulle presidenziali Usa come se bastasse per capire chi vincerà: sono utili per capire che aria tira, ma il modo migliore per leggerli è guardare le medie fra i diversi istituti.

Trump, per dire, aveva raggiunto Hillary a fine luglio, dopo la Convention repubblicana (40,8% a 40,6%, secondo la media di FiveThirtyEight), poi a inizio agosto c’era stata la Convention democratica con le polemiche sui genitori del soldato caduto in Iraq e la Clinton era tornata in grande vantaggio (45,6% a 38,1), quindi un nuovo riavvicinamento a settembre, dopo le notizie sulla salute dell’ex first lady (42,4% a 41%)…


Articolo integrale su “il Fatto Quotidiano” del 19 ottobre a cura di Giovanni Diamanti e Lorenzo Pregliasco

Redazione (Sito Web)

La redazione di YouTrend

Non ci sono ancora commenti, ma puoi inserirne uno qui sotto!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*